Abbracciarsi non è tempo perso, anzi.

ABBRACCIO

Lo sapevi che…
– abbracciarsi non è tempo perso, anzi.
Ogni istante concesso ad un contatto più stretto con chi si vuole bene, dona qualità al momento presente e, dunque, allunga la vita. Ormai lo dicono anche gli studiosi che il tocco è benefico e che baci, abbracci e carezze sono importantissimi per il nostro benessere.
Ci siamo disabituati ad utilizzare i sensi di prossimità (odorato, tatto) a favore di quelli che la cultura dell’immagine potenzia (vista e udito). Fate un esperimento: provate a tenere tra le mani le mani della persona che amate, di un vostro amico, amica, di una persona a voi cara, ma anche di un estraneo, e provate a stare fino in fondo dentro quella sensazione tattile, meglio se ad occhi chiusi così eliminate l’interferenza della percezione visiva, e abbandonatevi alle sensazioni che scaturiscono.

Oppure, provate ad abbracciarvi e rimanere nella stretta di questo contatto per più di un minuto. Spesso gli abbracci che ci scambiano sono frettolosi, superficiali, distanti, quasi ci si spaventa di donarsi totalmente all’altro.
Potreste rimanere stupiti da quello che vi si smuove. In risposta al contatto fisico, infatti, il nostro organismo libera grandi quantità di ossitocina, un neuropeptide prodotto dalla ghiandola ipofisi con potenti proprietà molto salutari.
Anche per questo motivo, la riflessologia plantare, che lavora sostanzialmente con il contatto fisico, produce risposte molto profonde nell’organismo di chi riceve il trattamento.

La magia di un abbraccio – Pablo Neruda

“Quanti significati sono celati dietro un abbraccio?
Che cos’è un abbraccio se non comunicare, condividere e infondere qualcosa di sé ad un’altra persona?
Un abbraccio è esprimere la propria esistenza
a chi ci sta accanto, qualsiasi cosa accada,
nella gioia e nel dolore.
Esistono molti tipi di abbracci,
ma i più veri ed i più profondi
sono quelli che trasmettono i nostri sentimenti.
A volte un abbraccio,
quando il respiro e il battito del cuore diventano tutt’uno,
fissa quell’istante magico nell’eterno.

Altre volte ancora un abbraccio, se silenzioso,
fa vibrare l’anima e rivela ciò che ancora non si sa o si ha paura di sapere.
Ma il più delle volte un abbraccio
è staccare un pezzettino di sé
per donarlo all’altro
affinché possa continuare il proprio cammino meno solo”

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *