Il Perché Delle Malattie

tempo per i malatti

La vera ragione per cui si verificano disagi e malattie

Perché ci ammaliamo?

Creare e preservare la salute. In genere si pensa solo alla parte fisica del corpo. Poca attenzione viene prestata ai pensieri, sentimenti ed emozioni anche se sono intimamente connessi allo stato di salute e benessere. La medicina occidentale ha iniziato solo di recente a capire e apprezzare   l’impatto che i nostri pensieri ed emozioni hanno sulla nostra salute. Cosi che ha iniziato a indagare sul legame tra la mente e la manifestazione della malattia nel corpo. Di conseguenza sono stati identificati una serie di motivi per cui le persone si ammalano. Per alcuni, la malattia è un modo in cui gli individui esprimono angoscia e traumi irrisolti. Per altri, ammalarsi può effettivamente fornire alla persona un qualche tipo di beneficio, anche se questo si basa su una convinzione malsana.

Altri motivi per cui le persone si ammalano

  • la malattia può fornire loro una scusa per non soddisfare le aspettative elevate.
  • può fornire loro un modo per esprimere conflitti mentali o emotivi interiori.
  • per alcuni, l’esperienza di una malattia può aiutarli, in modo indiretto, a risolvere un problema.
  • possiamo anche usare una malattia per punirci o ricevere attenzioni da altri.
  • la malattia può anche indurci a trovare un cambiamento incentivante internamente o a modificare abitudini indesiderate.

La causa principale della malattia

Un numero crescente di osservatori esperti ritengono che i problemi di salute, inclusi diabete, cancro o malattie cardiache, rappresentino un sintomo di un modello più ampio di disordine e disarmonia nel corpo. Dr. Renee Weber, spiega così la causa della malattia: “La causa primaria della malattia è la disconnessione dal flusso e dal ritmo del tutto, sia all’interno del singolo organismo che tra i gruppi di organismi”.

  La malattia può essere vista come la manifestazione di una condizione indesiderabile dentro di noi che è stata portata in forma fisica in modo che possa essere affrontata ed eliminata. Può essere pensato come un riflesso del conflitto tra il nostro stato interiore e l’esistenza esteriore o come la nostra anima che cerca di attirare la nostra attenzione. Funziona per farci sapere che il nostro vero sé viene ostacolato o che veniamo trascinati in due direzioni contemporaneamente. È causato dai nostri pensieri abituali o limitanti e dai nostri sentimenti ed emozioni negative.

Quando sperimentiamo disagio fisico, emotivo e persino mentale, i nostri corpi ci dicono “Scusami, c’è qualcosa che non va, sono squilibrato e voglio tornare alla normalità”. Quando sperimentiamo dolore e malattia, d’altra parte, è il modo in cui il nostro corpo ci dice ” Ho qualcosa a cui voglio che tu presti attenzione. Sono mesi che cerco di farti notare. Ora DEVI riconoscermi. “

La malattia è la manifestazione di una parte di noi che ha bisogno di attenzione.

Da questa prospettiva, ogni malattia, ogni problema che si manifesta nel corpo fisico rappresenta un aspetto di noi stessi che necessita di guarigione. Può essere considerato come la fase finale di un reclamo molto più profondo. È un’indicazione che c’è resistenza da qualche parte nel nostro sistema energetico. È un segno che qualcosa non è in equilibrio e il corpo sta cercando di riportarsi alla totalità.

Elida Evens, nel suo libro, A Psychological Study of Cancer (1926) ha detto: “Il cancro è un simbolo, come la maggior parte delle malattie, di qualcosa che non va nella vita del paziente, un avvertimento per lui a prendere un’altra strada”.

Le afte, ad esempio, sono il modo in cui il corpo ci avverte che stiamo trattenendo la comunicazione, che ora sta marcendo dentro di noi. Un’infezione della vescica può letteralmente farci sapere quanto siamo davvero arrabbiati.

Nessuno vuole ammalarsi

Il più delle volte ignoriamo i segnali inviati dal nostro corpo. Invece di prestare attenzione ai dolori, frustrazioni, ansie e stress che sperimentiamo, permettiamo alla nostra mente cosciente di annullarli. Invece di seguire la loro guida, li spingiamo da parte dicendo a noi stessi che ciò che stiamo vivendo è sbagliato o non importante. Permettiamo alle nostre ambizioni, alle nostre paure, alle nostre gelosie o alla nostra avidità di governare.

Eppure ognuno dei nostri “dovrei”, “sarei”, “potrei”, sono aspetti della nostra personalità che hanno bisogno di guarire. Questi non hanno nulla a che fare con il nostro vero sé.

Quasi mai prestiamo attenzione ai messaggi che ci vengono forniti dalla nostra anima. Tuttavia, attireranno la nostra attenzione su sintomi come ossessioni, preoccupazione, angoscia mentale, paure, dipendenze, violenza, malattie cardiache, ipertensione, diabete o cancro. Se il messaggio viene ricevuto, riconosciuto e messo in atto, ne deriveranno salute e armonia. Se viene ignorato, i problemi riscontrati si intensificheranno fino a quando non avremo finalmente ricevuto il messaggio. È solo allora che l’equilibrio può essere ripristinato.

Come influisce la società sulla nostra salute?

Sfortunatamente, ci viene insegnato a focalizzare la nostra attenzione sull’espressione della personalità e del mondo esterno. Perciò dobbiamo ignorare i nostri bisogni e desideri più profondi. Alla fine, ci rimane poca comprensione della nostra vera natura interiore. Non sappiamo come riconoscere i messaggi dalla nostra anima. Inavvertitamente ci disconnettiamo dal nostro corpo e finiamo per offuscare la nostra mente e le nostre emozioni. Ci intorpidiamo con droghe e alcol. Guardiamo la televisione, giochiamo ai videogiochi o esaminiamo altre distrazioni esterne che sovraccaricano i nostri sensi. Trascorriamo le nostre giornate in giro, mangiando troppo o tenendoci costantemente occupati nel tentativo di evitare conflitti tra il nostro mondo interiore ed esteriore.

Così facendo riusciamo ad evitare di affrontare eventuali discrepanze che possono esistere tra la nostra personalità e il nostro mondo interiore. L’obiettivo della personalità è mantenere l’immagine che ha creato di sé stessa. Questo è il motivo per cui molte persone evitano di guardarsi dentro. Quando lo si fa, ci si trova di fronte alla verità su chi siamo veramente. La personalità ha paura che scopriremo che chi siamo non è chi pensiamo di essere. Ci convince a ignorare i suggerimenti del nostro mondo interiore nel tentativo di evitare il cambiamento.

Malattia: una benedizione nascosta

Tutto il nostro dolore, sofferenza, malessere e malattie cercano di guidarci verso la perfezione. Quindi, anche se può sembrare negativo, il potenziale di trasformazione e cambiamento che offre è immenso. Coloro che accettano la sfida del cambiamento spesso scoprono che può effettivamente essere una benedizione nascosta. La maggior parte di noi, tuttavia, cambia solo quando è necessario. In effetti, la maggior parte di noi trascorre molto tempo ed energia a scappare da sé stessi invece di cambiare.

Più resistiamo al cambiamento, più i nostri problemi perdurano. La resistenza è il modo in cui la personalità si aggrappa a una vecchia immagine di sé invece di lasciarla andare. È solo quando lasciamo andare e smettiamo di resistere che possiamo cambiare e crescere. Possiamo provare a combattere il cambiamento, sopprimerlo, ignorarlo o negarlo. Alla fine però, il disaggio si ripresenterà, in un altro modo o in un’altra forma. Questi sono lezioni che ci vengono fornite dall’anima per aiutarci a guarire un aspetto della nostra personalità. In definitiva, la scelta è questa: possiamo apportare i cambiamenti che ci vengono richiesti, oppure possiamo scegliere di rivivere le stesse situazioni, con le stesse ferite, il dolore o la confusione di prima.

Molti di noi cambieranno solo quando non avranno altra scelta. Ciò si verifica quando abbiamo raggiunto un punto della nostra vita in cui i nostri problemi ci hanno infastidito per così tanto tempo, o creato così tanto dolore e disagio che non ce la facciamo più a sopportarlo. È attraverso crisi personali e professionali, circostanze straordinarie, sofferenze profonde, promesse non mantenute, opportunità mancate, eventi che alterano la vita e persino la diagnosi di una malattia terminale che possiamo chiarire chi siamo.

È in questi momenti che tipicamente possiamo sperimentare i cambiamenti più profondi e che alterano la vita. Ognuna di queste crisi ha la capacità di scuotere il nostro mondo fino alle fondamenta. L’immagine di sé creata dalla nostra personalità inizia a sgretolarsi. Possiamo percepire che la nostra visione di noi stessi non funziona più.

La guarigione richiede un cambiamento

Per portare cambiamenti nella tua vita, devi prestare attenzione ai segnali che il tuo corpo sta ricevendo e interpretarli onestamente. È solo quando riusciamo a osservare i nostri pensieri, emozioni e sensazioni fisiche che possiamo iniziare a conoscere noi stessi. Prestando attenzione a tutti gli aspetti di noi stessi, inizieremo a vedere le lezioni che c’insegna la nostra malattia. Avremo l’opportunità di scoprire in primo luogo, come e perché è nata la nostra malattia.

Il cambiamento non è difficile ma richiede tempo, impegno e coraggio. Può essere spaventoso e può creare confusione, ma se ci pensi, la maggior parte del nostro dolore deriva dalla nostra resistenza. Il cambiamento non avviene tutto in una volta, ma in piccoli modi, quasi impercettibili. Mentre lavoriamo per il cambiamento, inciamperemo, cadremo, sperimenteremo battute d’arresto e fallimenti. Ognuna di queste esperienze ci aiuterà mentre andiamo avanti perché ci fanno crescere. Ci aiutano a diventare consapevoli di ciò che è e non sta lavorando per noi. Diventeremo più consapevoli, praticando e integrando nuovi modi di essere.

Come sperimentiamo la guarigione delle malattie

A livello fisico, raggiungiamo la consapevolezza ascoltando il nostro corpo e prestando attenzione ai suoi bisogni. Ciò include una dieta corretta, esercizio fisico regolare e rilassamento. A livello emotivo, bisogna prestare attenzione a come ci sentiamo ed esprimere le nostre emozioni se necessario. È importante esprimere i nostri sentimenti e farli uscire. Più ampia è la gamma di emozioni che proviamo, più felici e sani saremo. Quando esprimiamo le nostre emozioni, permettiamo all’energia di muoversi attraverso di noi invece di sopprimerla dentro, anche se l’emozione che stiamo vivendo è rabbia, dolore, frustrazione e persino collera.

A livello mentale, la consapevolezza si ottiene prestando attenzione alle azioni. Agiamo in base alle nostre convinzioni e intenzioni. Se non sei sicuro di quali convinzioni ti ostacolano, guarda la fonte della tua confusione, frustrazione, resistenza, ansia o stress. Segui questi sentimenti fino alle loro origini. È riconoscendo le nostre convinzioni di fondo che possiamo cambiarle e andare avanti. Lasciar andare una vecchia convinzione può essere scoraggiante, ma non saprai mai cosa o chi diventerai se non lo fai.

  A livello dell’anima, salute significa creare capacità di autoconsapevolezza, di prendere decisioni consapevoli. Attraverso l’autoesame, possiamo spesso scoprire modelli di pensiero o comportamento che creano o contribuiscono allo stress mentale ed emotivo, nonché alle tensioni fisiche che sperimentiamo nei nostri corpi. Questi potrebbero assumere la forma di un atteggiamento rigido, un’abitudine particolare, un’aspettativa o una finzione che funge da barriera o ostacolo al nostro vero sé. Identificando queste barriere, possiamo iniziare a lasciarle andare. Con esso, dobbiamo essere disposti a sopportare il dolore, il disagio o le difficoltà temporanei e riconoscere che fanno parte del processo di renderci completi.

La malattia ci offre delle opportunità

Molte persone pensano che la malattia sia crudele. La malattia, tuttavia, ci offre l’opportunità di superare i conflitti interni e imparare ad accettarci pienamente, inclusi gli aspetti positivi, negativi, desiderabili e indesiderabili di noi stessi. Spesso, è solo attraverso crisi personali e professionali, circostanze straordinarie, sofferenza profonda, promesse non mantenute, opportunità mancate, eventi che cambiano la vita e persino la diagnosi di una malattia terminale che possiamo chiarire chi siamo.

Il trucco sta nell’iniziare a prestare attenzione ai segni e ai segnali che il tuo corpo sta ricevendo ora. Quando ci sentiamo ansiosi, confusi, a disagio o addirittura frustrati, è un’indicazione che il nostro corpo sta cercando di dirci qualcosa di importante. Man mano che impariamo di più su noi stessi diventando sempre più consapevoli delle nostre diverse parti, possiamo iniziare a riconoscere gli aspetti di noi che cercano espressione e integrarli. A quel punto, la “malattia” potrebbe non essere più necessaria. È solo quando siamo integri – corpo, mente e spirito che la salute può tornare naturalmente.

Il viaggio verso la completezza richiede l’analisi interiore fatta con onestà, apertura e coraggio, nelle dinamiche che stanno dietro a ciò che senti, ciò che percepisci, ciò che apprezzi e come agisci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.